Un incontro proficuo all'Asl Caserta tra Medici e Farmacisti

Cari colleghi,

dopo la nostra "sollecitazione" all'Asl e ai Farmacisti - cfr. link -, ieri c'è stato un proficuo incontro presso il Servizio Farmaceutico dell'Asl Caserta, nell'ufficio della Dott.sa Tamburrino. Erano presenti i vertici provinciali e regionali di Federfarma, noi dello SNAMI, i colleghi dello Smi e del Sumai. La discussione all'inizio è stata alquanto accesa, poiché era evidente che i Colleghi Farmacisti si sentivano un po' presi di mira per le prove che abbiamo esibito sulla cattiva abitudine di anticipare talvolta i farmaci richiesti dagli utenti, senza prima essere passati dai medici di famiglia. Ma non abbiamo additato o lanciato accuse in maniera indiscriminata: l'appropriatezza prescrittiva non è solo un obbligo dei medici di famiglia, ma anche degli specialisti che spesso demandano, a mo' di scaricabarile, ai medici di base la "prescrivibilità" dei loro suggerimenti terapeutici se a carico o meno del SSN. La discussione fortunatamente è proseguita sulle iniziative da porre in atto per arginare questo grave fenomeno: l'Asl, in verità, non ha sempre svolto, dal canto suo, un'azione  preventiva e di sorveglianza, come sarebbe stato suo obbligo effettuare. Ed allora, si è deciso di redigere un manifesto informativo, controfirmato dai Medici, dai Farmacisti e dell'Asl, da esporre in tutte le Farmacie, Studi Medici, Ospedali ... al fine di spiegare ai cittadini che i farmaci vanno assunti solo se prescritti dai medici, e che non tutti, pur utili, sono sempre a carico del SSN. Ci si è impegnati per successivi incontri. 
Saluti,
Antonio Merola
 

Informazioni aggiuntive