Codici Bianchi e Buona Pasqua

Cari Colleghi Iscritti e Simpatizzanti dello SNAMI,

In questi giorni avrete seguito con quali impegno ci siamo occupati dell’onore e del prestigio della Continuità Assistenziale, attività in via di trasformazione con le nuove norme in vigore e in discussione sui vari tavoli di trattative nazionali e regionali.

Per ultimo, proprio oggi, è stato approvato integralmente un nuovo progetto nel tavolo aziendale, progetto redatto dallo SNAMI Caserta (in allegato), con l’imprimatur del Direttore Generale, del Direttore Sanitario e dei Componenti istituzionali e Sindacali del Comitato Aziendale. La considero una bella vittoria dello SNAMI Caserta.

Per intanto,

Buona Pasqua a Voi e alle Vostre Famiglie.

Antonio Merola

Le guardie pediatriche: l’esposto dei medici di Continuità Assistenziale

Cari Colleghi,

in allegato potete leggere l’esposto redatto da alcuni Colleghi di Continuità Assistenziale, tra cui il sottoscritto, alla Corte dei Conti.

Naturalmente nessun dissidio con i Colleghi Pediatri, ci mancherebbe altro.

Ma il provvedimento sottoscritto dalla Regione Campania è veramente una spaventosa idiozia, poiché, secondo l’opinione degli scriventi, non consegue l’obiettivo dichiarato di intercettare i codici bianchi sul territorio. Massima collaborazione con la Pediatria, tenuto conto che “istituzionalmente” è un’eternità che i notturni, festivi e prefestivi i medici di Guardia Medica si occupano dei bambini.

Ma il fatto che il collega Pediatra “veda” i bambini dalle 8 alle 20 (sovrapponendosi ai medici di C.A.), e la notte, viceversa, se ne tornino a casa, ci sembra veramente un’enormità. Si faccia come in Lombardia: Guardie mediche pediatriche tout court, e non se ne parli più!! E poi, le faranno le domiciliari …?

 

Saluti,

Antonio Merola

 
 
 

L’ASL Caserta prepara il regalo di Natale ai Medici di Guardia Medica?

Sappiamo tutti quale sia il ruolo della Continuità Assistenziale (già Guardia Medica) nei Livelli Essenziali di Assistenza, ma sembra che l’ASL Caserta abbia in serbo il desiderio malcelato di devastarla.

Con un meccanismo alquanto perverso, e con l’accordo dei Sindacati di categoria (naturalmente NON dello SNAMI …), in maniera subdola, e senza neanche metterci la faccia ai provvedimenti (ad horas) che va prendendo, è in corso lo smantellamento dell’organico, dei Presìdi, anche in barba al ruolo unico e ad una visione “strategica” dell’attività sanitaria casertana.

Tutto ciò, oltra a danneggiare l’attività sanitaria, costituzionalmente sancita, depaupera di posti di lavoro i giovani medici che si affacciano alla professione.

La guardia medica è un lavoro a disposizione di chi la notte soffre ed è solo; di chi la notte non riesce ad andare in ospedale e non ha nessun altro a cui rivolgersi. Perché fare il medico di continuità assistenziale significa fare questo: assistere persone, di qualsiasi fascia di età, di qualsiasi patologia esse soffrano. Assisterle di notte, di sabato, di domenica, Natale, Pasqua, Capodanno, quando gli studi medici e i presidi sanitari delle ASL sono chiusi, quando c'è bisogno di un medico, ma non è necessario andare in ospedale. Noi, medici di continuità assistenziale, facciamo tutto questo per il 65% del monte ore di cui è composta una settimana. Facciamo tutto questo, mentre gli altri lavoratori giustamente godono del meritato riposo e quindi a Natale, a Pasqua, a Capodanno, domenica, ma soprattutto di notte. Lo facciamo, quando la notte, il buio, il silenzio acuiscono il disagio sociale e psichico. Quando la notte, il buio, il silenzio scatenano la violenza e la bruta bestialità (molte Colleghe ne sono state vittime …). Lo facciamo quando di notte tutto è possibile, anche morire.

Non può essere un semplice parere del Comitato Aziendale dell’ASL a smantellare la Guardia Medica: se volete farci questo “regalo”, almeno metteteci la faccia!!

Non è stata ancora scritta l’ultima parola!!

Antonio Merola

S. Maria C.V., 16/12/2018

LA GUARDIA MEDICA: LA DISCUSSIONE NEL COMITATO REGIONALE

Cari Colleghi,
 lo sforzo dello SNAMI si sposta anche a livello regionale. Il nostro Presidente regionale fa proprie le nostre istanze di Caserta e le porta al tavolo regionale. Nella lettera allegata il dr. Giorgio Massara riassume mirabilmente tutti i nostri sforzi che a Caserta sono servite a contrastare tutte le asprezze che L’Asl Caserta sta attuando per depauperare l’organico della guardia medica, con le ovvie ricadute sull ’occupazione medica giovanile. Tutte le stiamo tentando. Vi terrò informati puntualmente degli sviluppi.
Saluti, 
Antonio Merola 

 

ZONE CARENTI DI ASSISTENZA PRIMARIA E CONTINUITÀ ASSISTENZIALE

Sul BURC n. 47 del 9 luglio 2018 sono state pubblicate le zone carenti di Assistenza Primaria e di Continuità Assistenziale anno 2017 con allegato bando e modulistica. Termine ultimo di presentazione: 7 agosto 2018. Le domande dovranno essere inviate tramite PEC in formato .pdf all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.     Link

Saluti,

Antonio Merola

Informazioni aggiuntive